Seleziona una pagina


16 Gennaio 2020

Pubblicato il nuovo numero del magazine FIDAL, parla il direttore tecnico: “Nuovi leader e ricambio generazionale, il mondo va più forte di noi ma stanno emergendo energie positive”

 

È l’intervista al direttore tecnico Antonio La Torre il servizio di apertura del nuovo numero di Atletica, il magazine della Federazione Italiana di Atletica Leggera, di recente premiato dalla federazione mondiale con la prestigiosa World Athletics Heritage Plaque. Il DT azzurro traccia un bilancio del suo primo anno di attività e rivolge lo sguardo alla stagione 2020 che avrà nei Giochi olimpici di Tokyo il momento cruciale, seguito poche settimane dopo dagli Europei di Parigi. È stato un 2019 “soddisfacente: sono passato da una presa visione dell’ambiente, alla costruzione di una squadra di prim’ordine che poggia su una serie di imprescindibili collaboratori, Roberto Pericoli e Tonino Andreozzi in primis”, racconta La Torre. “Ho contribuito a far emergere certe energie positive e a cancellare quelle tante lagne che da vent’anni affossavano l’ambiente. Ma nessuna spavalderia, sia chiaro: il mondo corre, marcia, salta e lancia molto meglio di noi”.

 “Su chi punta?”, chiede Andrea Buongiovanni, che firma l’intervista. “Su Tortu, settimo velocista iridato a 21 anni, su Jacobs, che continuerà a disertare il lungo, su Re, su tutto il prossimo quadriennio di Crippa, su Tamberi, su Stecchi, sulla Bogliolo. Vorrei aggiungere la Folorunso, ma lei sa che mi aspetto un ulteriore salto di qualità”. Le possibili sorprese per il 2020 e per il futuro, il piano per i Mondiali indoor di Nanchino sempre più vicini, lo stato di salute del settore marcia e certamente i Giochi di Tokyo al centro della riflessione: “Il vero tema, dato il caldo e l’umido, saranno i recuperi tra un turno e l’altro – prosegue La Torre – soprattutto per i velocisti. Noi puntiamo ad avere tutte e cinque le staffette e quindi, inevitabilmente, avremo una squadra numerosa, con una composizione non lontana dai 65 atleti di Doha”. L’intervista completa si può leggere QUI.

Tanti i temi in primo piano nel nuovo numero, introdotto dall’editoriale del presidente Alfio Giomi dal titolo “Dodici mesi pieni d’Italia, ora il sogno a cinque cerchi”. Dalle medaglie europee di Yeman Crippa e Nadia Battocletti nel cross, ai focus su Davide Re e sulle staffettiste della 4×100, alla novità del ranking, ai confini spostati in maratona da Eliud Kipchoge e all’anno straordinario del peso internazionale. Il viaggio tra i club italiani fa tappa stavolta a Modena per scoprire i segreti de La Fratellanza 1874 e un approfondimento è dedicato agli atleti-musicisti. La rubrica sull’atletica-social e le pagine dedicate ai successi della corsa in montagna, dei master e dei paralimpici, accompagnano all’amarcord su Tokyo olimpica nel 1964 e mondiale nel 1991 e al ricordo di Elio Locatelli: “L’atletica eri tu”.

ABBONAMENTI – Per abbonarsi alla rivista è necessario effettuare un bonifico di 20 euro sul conto corrente ordinario BNL (IBAN IT29Z 01005 03309 000000010107) intestato a Federazione Italiana di Atletica Leggera, specificando nella causale “Abbonamento rivista Atletica” oltre al proprio indirizzo per il recapito. In alternativa si può ordinare attraverso il portale di e-commerce AtleticaShop a questo LINK.

CLICCA QUI PER IL DOWNLOAD DEL NUMERO 4/2019 DELLA RIVISTA “ATLETICA”

ATLETICA | L’ARCHIVIO ONLINE CON TUTTI I NUMERI DAL 2005 AD OGGI

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it  

Condividi con

Seguici su:






Source link