Seleziona una pagina


01 Febbraio 2020

La staffettista azzurra migliora lo stagionale sui 60 indoor al meeting di Mondeville, con il terzo posto in finale, dopo aver corso la batteria in 7.32

 

Continuano i progressi stagionali della velocista azzurra Anna Bongiorni. Al meeting di Mondeville, in Francia, la sprinter dei Carabinieri scende a 7.29 nella finale dei 60 metri, a soli cinque centesimi dal record personale, piazzandosi al terzo posto dopo essersi già portata a 7.32 in batteria. Nello scorso weekend la 26enne pisana, primatista nazionale della 4×100 con cui ha conquistato la finale mondiale e la qualificazione olimpica, aveva debuttato con 7.33 a Modena e adesso diventa la capolista italiana dell’anno. L’altra azzurra Johanelis Herrera (Atl. Brescia 1950 Ispa Group), all’esordio in questa stagione, è invece frenata da un infortunio al bicipite femorale destro e taglia il traguardo in un poco significativo 8.11 nel primo round. Vittoria alla gambiana Gina Bass con 7.22, dopo il 7.20 della batteria, che precede la bielorussa Krystina Tsimanouskaya (7.23).

La mezzofondista Joyce Mattagliano (Esercito) timbra il record personale sui 1500 metri in 4:18.80, con mezzo secondo di miglioramento e il quarto posto nella gara vinta dall’etiope Zerfe Wondmagegn (4:16.94), nonostante un passaggio intermedio nettamente più lento del previsto (2:54 ai 1000 metri per il gruppo di testa invece di 2:46). Negli 800 chiude terzo Enrico Riccobon (Atl. Brugnera Friulintagli), campione italiano dei 1500 al coperto, in 1:51.43 con un buon finale di gara rimontando due posizioni. Alla seconda uscita dell’anno Elisa Di Lazzaro (Carabinieri) corre in 8.41 sui 60 ostacoli, quarta in batteria.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

Condividi con

Seguici su:






Source link