Seleziona una pagina


15 Agosto 2020

Lo sprinter brianzolo si impone a La Chaux-de-Fonds in 10.18 (0.2), Vladimir Aceti si migliora nei 400 metri

 
IN AGGIORNAMENTONon è andata come nelle attese: la magica pista di La Chaux-de-Fonds, mecca dello sprint in terra di Svizzera (lo scorso anno teatro del giro record di Davide Re, cronometrato in 44.77), non regala il ferragosto di fuoco sperato alla vigilia. Filippo Tortu (Fiamme GIalle) si impone nei 100 metri in 10.18 (vento +0.2), batte Marcell Jacobs (quarto in 10.23), ma non arriva il crono a sensazione tanto agognato. Il responso del cronometro, in occasione della finale, è peggiore di quello della batteria (10.16 per Tortu, 10.18 per Jacobs, vento -0.4), ma in entrambe le occasione appare chiaro come le condizioni atmosferiche siano diverse da quelle che hanno reso magica la pista svizzera. In batteria l’avvio di Tortu e Jacobs non è dei migliori, mentre nella finale il brianzolo delle Fiamme Gialle esce decisamente meglio dai blocchi, e supera nei metri conclusivi l’olandese Joris Van Gool (secondo in 10.23), scappato via al colpo di pistola. Prima di Jacobs, al terzo posto, anche il ghanese Safo-Antwi (10.21), con il poliziotto quarto in 10.23.

“Sicuramente le aspettative erano altre – le parole di Tortu – ma credo che anche in questa occasione siano arrivati dei segnali positivi. Il 100 metri ottimale è in costruzione, e credo arriverà all’inizio del mese di settembre. Il fatto di aver battuto in questa occasione atleti che sono già andati molto forte, è un fatto che mi soddisfa”. “Abbiamo osato un po’ troppo – il commento di Jacobs – poco prima della finale le gambe erano molto dure, mi chiedevo come avrei fatto a correre. Dò appuntamento a Filippo alle prossime uscite, dagli Assoluti (che Tortu però non conferma di aver deciso di correre, ndr) al Golden Gala”.

Finale dei secondi vinta da Antonio Infantino (Athletic Club 96 Alperia) in 10.45 (vento -1.3), crono superiore a quello realizzato dall’italo-britannico in batteria (10.41, +1.2). Tra le donne, notevole 11.43 (primato personale, v. -0.6) per Zaynab Dosso (Fiamme Azzurre), che si piazza al terzo posto e lima un centesimo al già buon 11.44 della batteria.

Il risultato copertina in chiave italiana è però il 45.65 realizzato da Vladimir Aceti (Fiamme Gialle) nel giro di pista, vittoria ed ennesimo primato personale per il 21enne ex campione europeo Juniores della specialità (titolo vinto a Grosseto 2017). Aceti è il più bravo sia nella distribuzione dello sforzo, sia, più in generale, a mantenere la calma dopo l’avvio sprint degli avversari: all’attacco della seconda curva ingrana le marce basse ed inizia a recuperare centimetri, scavando il piccolo solco decisivo nei metri finali di corsa (tre centesimi meglio del secondo classificato, l’olandese Jochem Dobber, 45.68). Per l’azzurro 19 centesimi di miglioramento, dopo il 45.84 di Savona del 16 luglio scorso, e notevole progresso nella lista all-time (dal 19esimo al 12esimo posto, 4 centesimi meglio di Roberto Ribaud; mancano 16 centesimi per arpionare la top-ten, ovvero l’indimenticabile 45.49 di Marcello Fiasconaro a Helsinki 1971).

Nelle altre gare che hanno avuto luogo a La Chaux-de-Fonds, da segnalare il 50.19 di Mario Lambrughi nei 400 metri ostacoli, e il 57.52 di Eleonora Marchiando (Atl. Sandro Calvesi) nella stessa gara al femminile. File allegati:
RISULTATI

Condividi con

Seguici su:






Source link