Seleziona una pagina


21 Marzo 2019

Domenica 24 marzo la rassegna in vista degli eventi internazionali di Podebrady, Alytus e Doha. Tra gli uomini Rubino, Fortunato, Tontodonati. La gara donne assegna il Trofeo Anna Rita Sidoti

 

di Nazareno Orlandi

Dopo l’edizione dello scorso anno a Roma, alle Terme di Caracalla, domenica 24 marzo tornano per la quinta volta sulle strade di Cassino (Frosinone) i Campionati Italiani di marcia: in palio i titoli nazionali della 20 km senior e promesse. La giornata tricolore dedicata agli specialisti del tacco e punta, che si preparano per l’Incontro internazionale di Podebrady (Repubblica Ceca, 6 aprile), la Coppa Europa di Alytus (Lituania, 19 maggio) e i Mondiali di Doha (Qatar, 27 settembre-6 ottobre), è inoltre valida come seconda prova dei Societari di marcia e prevede anche competizioni per gli juniores, gli allievi e i cadetti. L’organizzazione è curata dal Cus Cassino e la prova femminile della 20 km è l’occasione per ricordare Anna Rita Sidoti: anche quest’anno sarà consegnato alla vincitrice il trofeo che celebra l’indimenticabile campionessa del mondo dei 10.000 di marcia ad Atene nel 1997.

ISCRITTI/EntriesORARIO/Timetable – I CRITERI PER ALYTUS 

I NUMERI – In totale saranno 227 i partecipanti, di cui 33 uomini e 21 donne per la 20 km senior e promesse. Gli juniores saranno impegnati sulla distanza dei 15 km (uomini) e 10 km (donne). La 10 km attende anche allievi e allieve per i Cds di categoria. Per i cadetti è l’ora del trofeo nazionale sulla 6 km (uomini) e la 4 km (donne). 

UOMINI – Non sarà in gara il campione uscente, il bronzo dei Mondiali a squadre di Taicang 2018 Massimo Stano (Fiamme Oro) e si apre a diversi pretendenti la strada verso la maglia tricolore della 20 km. Tra loro, i vincitori delle ultime due edizioni di Cassino, Federico Tontodonati (Aeronautica) che trionfò nel 2016 e Francesco Fortunato (Fiamme Gialle), “man of the match” nel 2017, già tricolore quest’anno agli Assoluti indoor di Ancona per il quarto titolo consecutivo nei 5000 al coperto. Nel drappello dei protagonisti non si può dimenticare il bronzo dei Mondiali di Berlino 2009 e argento a squadre di Taicang Giorgio Rubino (Fiamme Gialle), e l’altro finanziere Gianluca Picchiottino, secondo alla rassegna tricolore della 10 km a Pescara nello scorso settembre. Al via anche i cinquantisti azzurri Andrea Agrusti (Fiamme Gialle) e Michele Antonelli (Aeronautica), quest’ultimo fresco campione italiano della 50 km a San Giorgio di Gioiosa Marea a fine gennaio, in gara soltanto per un test sui ritmi della distanza più lunga.

Tra le promesse, potrebbe riproporsi il duello già visto in sala ad Ancona nei 5000 tra il tricolore Giacomo Brandi (Sport Atl. Fermo) e il vincitore della 20 km ai Cds di San Giorgio, Ettore Grillo (Atl. Firenze Marathon), ma in agguato c’è pure Nicolas Fanelli (Atl. Cisternino Ecolservizi) al primo anno di categoria. Tra gli juniores spiccano i nomi del campione italiano della 20 km Riccardo Orsoni (Cus Parma), bravo a confermarsi in Sicilia sulle strade di Anna Rita Sidoti, e dell’argento europeo allievi dei 10.000 Aldo Andrei (Gs Valsugana Trentino). Per gli under 18, tra i più forti vanno segnalati Daniele Breda (Sporting Club Alzano) e due nuovi prospetti del serbatoio pugliese: il vincitore della 10 km a San Giorgio, Pietro Pio Notaristefano (Atl. Don Milani) e l’ex cadetto tricolore Nicola Lomuscio (Amatori Atl. Acquaviva). In chiave under 16, chi si è messo in evidenza nei primi mesi dell’anno è Diego Giampaolo (Fiamme Gialle Simoni), autore della migliore prestazione italiana dei 3000 indoor.

DONNE – Assenti il bronzo mondiale ed europeo Antonella Palmisano (Fiamme Gialle) che tornerà in gara il 28 aprile a Roma nella 10.000 su pista, così come la primatista italiana Eleonora Giorgi (Fiamme Azzurre) che ha vinto domenica scorsa a Lugano e la campionessa in carica Valentina Trapletti (Esercito), il miglior accredito è quello della vicecampionessa nazionale dei 3000 indoor Eleonora Dominici (Acsi Italia), seconda lo scorso anno a Caracalla e domenica in gara con i gradi di favorita assoluta. Più combattuta si preannuncia la sfida tra le promesse con la tricolore indoor Lidia Barcella (Bracco Milano) in crescita dopo il quinto posto di domenica scorsa a Lugano (1h38:35) e un gruppo di avversarie tra cui Annalisa Russo (Gs Valsugana Trentino), Beatrice Foresti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) e Anthea Mirabello (Cus Cassino) pronte a inserirsi anche per il podio assoluto. Andrada Lavinia Lacatus (Pbm Bovisio Masciago) va alla ricerca del terzo titolo dell’anno dopo quello della 10 km nel Messinese e dei 3000 indoor di Ancona, affrontando, tra le altre, Vittoria Giordani (Us Quercia Trentingrana) e il bronzo europeo U18 Simona Bertini (Francesco Francia). In quota allieve è Martina Casiraghi (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) la donna da battere e tra le cadette punta al bis Giada Traina (Atl. Livorno), dominatrice lo scorso anno, sia al trofeo nazionale di Caracalla sia ai Tricolori di Rieti.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

Condividi con

Seguici su:






Source link