Seleziona una pagina


02 Aprile 2019

Presentata in Campidoglio la XXV Acea Maratona Internazionale. Il campione europeo 2014 sfida la pattuglia etiope. Al femminile c’è Soufyane. Giomi: “Patrimonio straordinario per chi la organizzerà l’anno prossimo”

 

Domenica 7 aprile si svolgerà la XXV Acea Maratona Internazionale di Roma, l’evento di running organizzato dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera e da Roma Capitale inserito nel calendario FIDAL con classificazione Gold e in quello IAAF come Silver Label Road Race. Partenza e arrivo in via dei Fori Imperiali. Alla prova competitiva di 42,195 chilometri è abbinata la Stracittadina non competitiva di 5 chilometri, che scatterà sempre in via dei Fori Imperiali dopo l’ultima partenza delle tre onde della maratona, e si concluderà all’interno del Circo Massimo. Chiuse in anticipo le iscrizioni per garantire a tutti i runner la migliore esperienza sui 42,195 chilometri. Ai nastri di partenza si attendono 10.000 partecipanti. L’evento è stato presentato stamattina nell’aula Giulio Cesare, in Campidoglio, a Roma.

I TOP RUNNER – In campo maschile, a difendere i colori azzurri ci sarà Daniele Meucci (Esercito), campione d’Europa sulla distanza nel 2014 che si presenta con un personal best di 2h10:45 stabilito nel marzo 2018 in Giappone, a Otsu. L’ingegnere pisano, al rientro da tre settimane di allenamento in Namibia, dovrà vedersela con un nutrito gruppo di atleti africani. I più accreditati per la vittoria sono gli etiopi Abayneh Ayele Woldegiorgis (PB 2h06:45), Tebalu Zawude Heyi (PB 2h07:10), Demise Teshome Brihanu (PB 2h08:20), Workneh Tesfa Tiruneh (PB. 2h08:51), Yihunilign Adane Amsalu (PB 2h09:11) e Dereje Tesfaye Gebrehiwot (PB 2h08:17). Da non sottovalutare il keniano Bernard Kipkorir Talam (PB 2h11:33) e proveranno a inserirsi nella corsa per le posizioni che contano anche il burundese Onesphore Nzikwinkunda (PB 2h12:11) e il ruandese Felicien Muhitira (PB 2h14:32). Al via anche il due volte campione tricolore di maratona Ahmed Nasef (Atl. Desio, PB 2h10:59), primo degli italiani nelle ultime due edizioni dei 42,195 km romani. In campo femminile, invece, ci sarà l’azzurra dell’Esercito Laila Soufyane (PB 2h32:29), alla prima maratona dopo la maternità. Anche qui, la concorrenza è tutta africana. Le più accreditate per il successo sono le etiopi Muluhabt Tsega, che a soli 22 anni vanta un personal best di 2h25:48, Asnakech Mengistu Egigayehu (PB 2h25:50), Kebede Megertu Alemu (PB 2h28:08) e Mestawot Tadesse Shankutie (PB 2h31:38).

ACEA MARATHON EXPO-RAGUSA OFF – L’Acea Marathon Expo-Ragusa Off è il villaggio della maratona che sarà nell’ex deposito Atac di via Tuscolana, 179. Dal 4 al 6 aprile, dalle 10 alle 20, l’area di oltre 6000 mq sarà allestita per accogliere e intrattenere le migliaia di iscritti alla maratona e alla Stracittadina. Nell’expo si ritireranno pettorali e pacchi gara delle due prove e ci si potrà iscrivere fino a sabato 6 aprile alla non competitiva. Saranno presenti gli stand dei partner e ogni giorno si svolgeranno eventi di intrattenimento per tutti. Il villaggio maratona è in una posizione strategica, in quanto facilmente raggiungibile con la metro (linea A, fermata Ponte Lungo) e con la ferrovia urbana (fermata Stazione Tuscolana).

LE DICHIARAZIONI – Alfio Giomi, presidente FIDAL: “Sarà una festa per tutti. In questa occasione mi piace pensare al futuro: i 10.000 di oggi sono un lascito straordinario. La FIDAL è entrata in campo per non disperdere un grande patrimonio, ma l’obiettivo è fare ancora meglio e noi saremo a disposizione per dare tutte le informazioni a chi vincerà il bando. Consegniamo un vero patrimonio a chi si è candidato a organizzarla per i prossimi anni. Questa maratona va considerata un successo: Fabio Martelli è stato un comandante eccezionale e ringrazio il Comune di Roma”.

Fabio Martelli, coordinatore della Maratona Internazionale di Roma: “Siamo a 5 giorni dall’evento e mi ritengo molto soddisfatto. Quattro mesi fa nessuno avrebbe scommesso sui numeri effettivi che abbiamo raggiunto. La chiusura delle iscrizioni a 10.000 è perché tutti possano godere del percorso più bello del mondo. Abbiamo una gara di altissimo livello, con un gruppo di etiopi competitivi che puntano a un passaggio di 1h03:45 alla mezza, e al femminile di 1h11:30. Meucci è ben preparato e sicuramente farà una gara uomo contro uomo che è quella che preferisce”.

Daniele Frongia, assessore allo Sport, politiche giovanili e grandi eventi del Comune di Roma: “È un’edizione dei record, in pochi mesi siamo riusciti ad arrivare al sold out dei 10.000, davvero un grande risultato, a cui abbiamo sempre creduto, la sindaca Virginia Raggi in primis. Da giovedì aprirà un bellissimo villaggio, la novità del Ragusa Off, dove ci si potrà ancora iscrivere per la Stracittadina. Mi congratulo con FIDAL che ha portato a casa questo grande risultato per la città e i tanti sponsor privati per il loro contributo”.

Roberto Tavani, rappresentante dell’ufficio di Presidenza della Regione Lazio: “Sono certo che lo sforzo di tante persone, che hanno lavorato con una passione indiscussa per lo sport, offrirà la migliore organizzazione possibile nel migliore scenario. Per Regione Lazio è importante perché ci permette di mostrare le nostre eccellenze al mondo. Mi sento molto vicino alle tante persone che da mesi si stanno preparando per correre e invito i turisti a Roma per seguire la maratona”.

Claudia De Stefanis, responsabile comunicazione della rappresentanza in Italia della Commissione europea: “È davvero un piacere essere partner. In questa occasione continuiamo a sostenere l’appello delle istituzioni europee sullo stile di vita sano e la campagna ‘Stavolta Voto’ al Ragusa Off, per dare informazioni su come esprimere al meglio la propria cittadinanza europea”.

Angelo Diario, presidente della commissione Sport del Comune di Roma: “È un’avventura bellissima e incredibile. Ringrazio tutte le persone che hanno lavorato.

Durante l’Angelus di domenica omaggeremo Papa Francesco con i palloncini colorati”.

Giorgio Calcaterra, simbolo del running italiano, in gara domenica 7 aprile: “Come non esserci, è la maratona più bella del mondo ma anche quella della mia città. L’ho corsa tante volte e darò il meglio. Come dice mio nipote, non ‘andiamo a correre’ ma… ‘giochiamo a correre’. Non sono in un periodo di massima forma, però voglio onorarla”.

Giuseppe Musciacchio (Arena): “Siamo molto contenti per i numeri dell’evento che stanno dando ragione agli organizzatori. La presenza di Arena come sponsor tecnico di una gara di corsa ha destato curiosità. Ma in realtà chi fa sport non ne pratica uno soltanto, e per noi è un’occasione importante per allargare la nostra impronta”. Fabrizio Tartaglia (Unicredit): “Un evento all’altezza delle aspettative e di quello che la città merita. Una domenica che coinvolgerà davvero i cittadini e si coniuga con valori nei quali la banca crede: sport, turismo, arte”. Andrea De Perini (Smart): “Siamo lieti e orgogliosi di sostenere ancora questa bellissima manifestazione, nella città del mondo in cui vendiamo più auto”.

LA STRACITTADINA – La Stracittadina partirà sempre da via dei Fori Imperiali, qualche minuto dopo lo start della maratona. Il percorso si snoda nel cuore della Roma imperiale, toccando alcune delle vie più affascinanti della Città Eterna, e arriva dentro al Circo Massimo, luogo della festa finale con stand e animazione per tutti. Alla Stracittadina, grazie anche ai tanti progetti dedicati a studenti, anziani, associazioni non profit, sono attese migliaia di persone che renderanno la giornata unica. Iscrizioni fino al 3 aprile sul sito ufficiale della XXV Acea Maratona Internazionale di Roma, e dal 4 al 6 aprile, dalle 10 alle 20, all’Acea Marathon Expo-Ragusa Off di via Tuscolana. Insieme a Decathlon, partner della Stracittadina, è stato realizzato il progetto “Fai sport con Decathlon”, che consentirà di donare materiale sportivo agli istituti scolastici attraverso le iscrizioni di studenti e genitori degli stessi.

IL FASCINO DEL PERCORSO RICONOSCIUTO DALL’UNESCO – Dopo la partenza degli atleti disabili (ore 8.30), alle 8.35 scatterà la prima delle tre onde previste per i partecipanti alla maratona. Il tempo limite per chiudere la gara è di 7 ore. Il percorso, che gode del riconoscimento dell’Unesco, è scorrevole e affascinante, con centinaia di luoghi di interesse storico toccati lungo i 42 chilometri e 195 metri, soprattutto nell’ultimo tratto. Il Colosseo sarà grande protagonista, con la partenza della maratona da via dei Fori Imperiali, tra Largo Corrado Ricci e via di San Pietro in Carcere, e l’arrivo sempre nella via imperiale arrivando da via di San Gregorio. I runner correranno con l’Arco di Costantino a fare da splendida scenografia, per poi girare intorno al Colosseo e correre l’ultimo chilometro in via dei Fori Imperiali. Per la prima volta la gara sfilerà, per tre chilometri nella parte iniziale, sul rettilineo di via Cristoforo Colombo proseguendo poi su via Ostiense e sul Lungotevere. Al 18° chilometro si passerà in via della Conciliazione fino a sfiorare la Basilica di San Pietro per poi immergersi nel quartiere Prati e tornare sul Lungotevere, eliminando così il tratto dell’Acquacetosa-Moschea. Dal 34° chilometro e sino al traguardo la parte più emozionante del percorso, ovvero il centro storico della Città Eterna, quello che rende il tragitto della Maratona Internazionale di Roma unico al mondo. In sintesi è un percorso scorrevole, con molti tratti rettilinei e pochissimi saliscendi.  

I NUMERI – Nel dettaglio, saranno 7080 gli italiani e 2920 gli stranieri provenienti da 88 nazioni differenti. Per ciò che concerne l’Italia, il Lazio è la regione più rappresentata con 2657 iscritti, dei quali 2283 da Roma e provincia, seguito dalla Lombardia con 652, Puglia con 480, Emilia Romagna con 448, Campania con 415, Veneto con 402, Toscana con 382, Piemonte con 304 e Abruzzo con 290. Le nazioni estere più rappresentate, invece, sono la Francia con 804 iscritti, la Gran Bretagna con 278, la Spagna con 262, la Germania con 198 e gli Stati Uniti con 161. Gli uomini iscritti sono 7966, le donne 2034. Alla Stracittadina di 5 chilometri, le cui iscrizioni saranno aperte fino a sabato 6 aprile al villaggio allestito al Ragusa Off di via Tuscolana, si attendono migliaia di persone, tra cittadini e turisti. 

CHARITY PROGRAM: DI CORSA PER SOLIDARIETÀ – La XXV Acea Maratona Internazionale di Roma ha avviato un Charity Program per raccogliere fondi in favore delle Onlus. Legato alla Stracittadina, il programma ha visto il coinvolgimento delle associazioni che hanno potuto acquistare pettorali a prezzo agevolato, per poi distribuirli a una quota maggiore sostenendo così i propri progetti benefici. Oltre agli organizzatori, anche due grandi realtà hanno contribuito al progetto: Rete del dono, la piattaforma di crowdfunding per la raccolta fondi online, legata sia alla Maratona che alla Stracittadina, in favore di progetti d’utilità sociale ideati e gestiti da organizzazioni non profit (ONP), e il Csv Lazio, il Centro Servizi per il Volontariato, realtà presente sul territorio da vent’anni con lo scopo di sostenere e qualificare l’attività del volontariato. In totale sono 69 le associazioni che hanno aderito al progetto andando ad arricchire con la loro presenza il percorso della Stracittadina. Ha contribuito fattivamente alle raccolte fondi anche il Trofeo RunCorporate, il programma dedicato alle aziende. Ogni azienda ha potuto scegliere liberamente la Onlus, tra quelle rientranti nel Charity Program, a cui devolvere parte della somma derivante dai pettorali acquistati.

IN TV – La gara sarà trasmessa in differita su RaiSport, nella serata di domenica 7 aprile.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

Daniele Frongia, il presidente FIDAL Alfio Giomi e Fabio Martelli (foto Piccioli)

Condividi con

Seguici su:






Source link