Seleziona una pagina


03 Febbraio 2019

Ad Albufeira, in Portogallo, il team emiliano riporta l’Italia sul podio nel trofeo continentale con la vittoria dell’ugandese Kiplimo. Nella gara under 20, settima La Fratellanza 1874 Modena al femminile.

 

Una squadra italiana sul podio ad Albufeira, in Portogallo, nella Coppa Europa per club di cross. Gli uomini dell’Atletica Casone Noceto conquistano il secondo posto nella gara senior maschile con 52 punti, preceduti soltanto dagli spagnoli dell’Atletismo Bikila Toledo (43) ma davanti a tutte le altre formazioni con i portoghesi dello Sporting Lisbona, campioni uscenti, terzi a quota 69. A trascinare il team emiliano è l’ugandese Jacob Kiplimo che si prende il successo individuale in 29:00 sui 9,730 km. Fondamentali anche i piazzamenti dell’azzurro Ahmed El Mazoury, tricolore di mezza maratona, quattordicesimo in 30:34 e del piemontese Italo Quazzola, 18esimo con 30:38, per la società che nella scorsa stagione si è aggiudicata lo scudetto e migliora notevolmente il settimo posto di un anno fa in Coppa Europa. Completa il risultato collettivo l’altro azzurro Yassine Rachik, bronzo europeo di maratona, 19esimo al traguardo con 30:38 insieme a Vincenzo Agnello, 31esimo in 31:19, e Ahmed Ouhda, 47esimo con 32:03 in una giornata soleggiata. La vittoria di Kiplimo, dominatore della stagione di cross a livello mondiale, arriva grazie all’allungo decisivo nell’ultimo giro per staccare il keniano Davis Kiplangat (Sporting Lisbona, 29:01), leader della scorsa edizione, con cui fino a quel momento aveva condotto una gara di coppia, mentre è terzo lo svedese Robel Fsiha (Sparvagens, 29:50).

Era da sei anni, dal secondo posto delle Fiamme Gialle nel 2013, che una squadra italiana non riusciva a salire sul podio senior maschile nel trofeo continentale di corsa campestre.

Nella prova under 20 femminile, settimo posto per La Fratellanza 1874 Modena. A livello individuale, si mette in luce Martina Cornia che arriva quarta dopo una gara coraggiosa, in testa nella prima parte e poi recuperando una posizione nel finale. La 17enne emiliana, azzurra agli ultimi Europei di cross, chiude in 15:17 a soli dieci secondi dalla turca Emine Akbingol, vincitrice con 15:07 sui 4,270 km di un percorso asciutto e tecnico, per condurre alla conferma del titolo le compagne di club del Fenerbahce. Piazza d’onore alla francese Emilie Renaud (15:10), terza invece la danese Anna Mark Helwigh (15:14) che aveva trionfato alle ultime due edizioni. Nella competizione a squadre, stesso ordine di classifica con il Fenerbahce Istanbul a imporsi nettamente (23 punti) davanti alle francesi del Clermont Athletisme Auvergne (69) e alle danesi dello Sparta Copenhagen (77). Lo score della Fratellanza 1874 Modena è di 117 punti, con il 24esimo posto di Bernadette Pulpito in 16:34, poi 40esima Chiara Tognin (17:19) e 49esima Chiara Di Giovanni (17:43). Conferma dello Sporting Lisbona nella gara senior femminile, con la vittoria individuale della keniana Fancy Cherono, e successo per i turchi del Darica Belediyesi tra gli under 20 al maschile, in cui davanti a tutti c’è il keniano Edward Zakayo Pingua.

l.c.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
RISULTATI/Results
Il sito della manifestazione

Condividi con

Seguici su:






Source link