Seleziona una pagina


04 Maggio 2019

Day 1 per la prima prova regionale dei Societari in 17 sedi: la lanciatrice diventa la seconda U18 di sempre con un progresso di quasi 8 metri. Iapichino 13.62 nei 100hs, quarta alltime

 

Da Firenze arriva il primo squillo dei Campionati di Società Allievi, nel day 1 della prima prova regionale che si disputa in 17 sedi di tutta Italia, in gran parte condizionato dal maltempo. A firmarlo è la 16enne azzurrina Rachele Mori (Atl. Livorno) che spedisce il martello da 3 kg a 68,24 con un progresso di quasi otto metri rispetto al primato personale di 60,89. È una crescita notevole che la porta al secondo posto delle liste alltime allieve, a poco più di due metri dalla migliore prestazione italiana di Lucia Prinetti (70,27 nel 2014 a Nanchino) e che rappresenta la miglior misura mai realizzata da una martellista al primo anno di categoria allieve. Due volte tricolore tra i cadetti nel 2017 e nel 2018, il cognome e la provenienza (Livorno) non mentono: lo zio è Fabrizio Mori, oro mondiale di Siviglia 1999 nei 400 ostacoli e primatista italiano della specialità, che oggi, come sempre, era in tribuna a Firenze per sostenerla.

MORI: “IL CONSIGLIO DI ZIO FABRIZIO? LAVORO DURO” – La giovane martellista che sta facendo passi in avanti grazie all’esperienza del coach Riccardo Ceccarini (già tecnico di Nicola Vizzoni) sfoggia una serie di ottima caratura già dai primi tre lanci, portandosi prima a 65,40 e poi a 66,22. Nel quarto turno piazza un altro upgrade fino a 66,89 e la chiusura è in bellezza grazie al 68,24 del sesto turno. Già nella stagione invernale, nel match Italia-Francia di Ancona in occasione della prima maglia azzurra giovanile indossata, Mori era decollata anche con il martello assoluto, quello da 4 kg (59,22), seconda under 18 di sempre dopo la MPI di Laura Gibilisco (60,18). “In allenamento era uscito un lancio da 67 metri, quindi sapevo di valere certe misure – le parole della livornese – sono contentissima, ma non mi fermo qua. L’obiettivo può essere la migliore prestazione italiana, però senza pressioni, con tranquillità. Zio Fabrizio? Sa che posso fare tanto: ‘Testa bassa, lavoro duro’ è il suo consiglio”. 

LARISSA OSTACOLI OK – Nella stessa sede, sul rettilineo del Ridolfi di Firenze, continua anche il percorso di crescita di Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon). La doppia figlia d’arte di Gianni e Fiona May, dopo la migliore prestazione italiana under 18 nei 300hs il 25 aprile a La Spezia (41.96), oggi timbra il personal best nei 100hs diventando la quarta allieva di sempre con 13.62 controvento (-0.4) e sforbiciando quasi tre decimi al suo tempo del 2018 (13.91).

LAZIO: SIMONELLI 7° ALLTIME – Prosegue la scalata di Lorenzo Simonelli (Esercito Sport&Giovani). A Roma (stadio Rosi) l’ostacolista scende a 13.80 (0.5) nei 110hs, con quasi un secondo di personale (aveva 14.72) per diventare il settimo U18 italiano di sempre e inaugurare la stagione outdoor con la stessa grinta dell’inverno, che l’ha portato a migliorare più volte la MPI nei 60hs indoor e a conquistare il titolo italiano ad Ancona. Il tricolore indoor del triplo Federico Morseletto (Studentesca Rieti Milardi) rimbalza a un 14,74 (-0.5) che nel complesso è la seconda performance in carriera (PB indoor di 14,86). Nella sua serie anche un 14,72 (0.8). Giornata senza acuti per il campione europeo dei 400 metri Lorenzo Benati (Atl. Roma Acquacetosa), 47.83 nel giro di pista, dopo l’esordio da 47.06 del 25 aprile. 

SICILIA: MELLUZZO 10.70 – Pioggia e pista bagnata a Palermo non frenano Matteo Melluzzo (Milone Siracusa): 10.70 (0.0) nei 100 metri per il campione italiano indoor dei 60, secondo tempo nel curriculum dopo il personale di 10.56 siglato a fine marzo sulla pista di Siracusa, senza dimenticare il 10.46 ventoso (2.4) dello scorso anno a Livorno.

LOMBARDIA: BESANA CONTROVENTO – Vento contrario sul rettilineo a Mariano Comense (Como), con il successo nei 100 ostacoli della campionessa italiana di categoria Veronica Besana (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) in 14.09 (-1.7). Al maschile, nonostante la brezza in faccia, si migliora nettamente Samuele Maffezzoni (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) nei 110hs con 14.00 (-2.2), quasi due decimi in meno rispetto al 14.17 del 25 aprile a Modena, e sulla pedana del lungo il tricolore cadetti Luca Mondini (Atl. I Gonzaga 2011) firma il personale di 6,85 malgrado il -3.0 sull’anemometro. Nei 5000 di marcia stavolta conquista la vittoria Daniele Breda (Sporting Club Alzano) che in 21:39.36 riesce a battere Gabriele Gamba (Atl. Riccardi Milano 1946), appena convocato per la Coppa Europa e oggi secondo in 21:44.61.

LE ALTRE SEDI – A Cles (Trento) la mezzofondista Katja Pattis (Südtirol Team Club), che quest’anno ha vinto il titolo italiano di corsa campestre, abbassa il suo miglior crono nei 2000 siepi con 7:05.58. Sui 100 ostacoli, a Macerata, cresce la non ancora 16enne Martina Cuccù (Team Atl. Marche) in 14.01 con vento nullo, per migliorare di quattro centesimi il tempo dello scorso weekend. A Salerno un altro atleta classe 2003, il lanciatore Simone Cuciniello (Running Club Napoli), spedisce il giavellotto a 64,82. Un mese fa ad Ariano Irpino il campione tricolore cadetti della scorsa stagione si era portato a 68,09 per fare subito l’ingresso nella top ten italiana under 18 di sempre, al nono posto. A Pordenone la pioggia battente limita i lanci di Michele Fina (Brugnera Friulintagli), 59,74 nel giavellotto. A Boissano (Savona) 59,82 nel martello per Ilaria Marasso (Trionfo Ligure) e primato personale di 14.01 (1.8) nei 100hs per Anabel Vitale (Atl. Arcobaleno Savona). A Vittorio Veneto (Treviso) la tricolore indoor del triplo Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta) salta 12,33 (0.2). Sandra Milena Ferrari (La Fratellanza 1874 Modena) vince i 100hs in 14.56 (-1.4) a Piacenza.

Cassai-Orlandi (hanno collaborato Carlo Carotenuto/FIDAL Toscana, Cesare Rizzi/FIDAL Lombardia)

CdS Allievi 2019 – le sedi della prima prova regionale (4-5 maggio)
Abruzzo, Molise: L’Aquila; Calabria: Siderno (RC); Campania: Salerno; Emilia-Romagna: Piacenza; Friuli-Venezia Giulia: Pordenone; Lazio: Roma; Liguria: Boissano (SV); Lombardia: Mariano Comense (CO); Marche: Macerata; Piemonte, Valle d’Aosta: Alessandria; Puglia, Basilicata: Molfetta (BA) e Bari; Sardegna: Sassari; Sicilia: Palermo; Toscana: Firenze; Trentino, Alto Adige: Cles (TN); Umbria: Bastia Umbra (PG); Veneto: Vittorio Veneto (TV)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

Condividi con

Seguici su:






Source link