Seleziona una pagina


08 Febbraio 2019

Lo svizzero abbatte di 19″ il limite europeo della mezza maratona detenuto da Mo Farah e centra anche due european best sui 15 e sui 20 km. Kiprop eguaglia il record della corsa in 58:42. La Teferi vince in 1h05:45, miglior esordio di sempre

 

Ci voleva l’orologio svizzero al polso e alle caviglie di Julien Wanders per riscrivere la cronologia del record europeo di mezza maratona. Nella 21,097 km di Ra’s Al-Khaimah, nella notte italiana, l’elvetico ha chiuso quarto ma merita l’onore delle cronache per aver tolto ben diciannove secondi al primato di Mo Farah (Lisbona, 22 marzo 2015). Va da sé che, negli intermedi di una mezza velocissima come nelle previsioni, Wanders abbia anche abbassato le migliori prestazioni europee sui 15 km (41:56, primo atleta sotto i 42 minuti), e sui 20 km (56:03), anche queste sottratte a Farah (42:03, Cardiff 26 marzo 2016, e 56:27 sempre a Lisbona nel 2015). Per Wanders un altro record d’Europa, dopo la miglior prestazione sui 10 km in 27:25 con cui ha chiuso il 2018 il 30 dicembre a Houilles. Il vecchio continente sale alla ribalta anche per l’undicesimo posto del turco ex-keniano Kaan Kigen Ozbilen, che in 59:48 ha eguagliato la terza prestazione europea all-time.

KIPROP BEST TEENAGER – Il keniano Stephen Kiprop, classe 1999 ma non ancora 20enne, centra la vittoria in 58:42 (sesto di sempre) e eguaglia il primato della corsa appartenente al connazionale Bedan Karoki, diventando nel contempo il più veloce di sempre a 20 anni d compiere. Una gara dai contenuti sensazionali, undici atleti sotto l’ora, con secondo l’etiope Hadis a eguagliare il personale di 58:44 e l’altro etiope Haftu terzo in 59:08. Statistiche alla mano, grandi intermedi al 20° km, con Hadis (55:46) e Kiprop (55:47) che segnano la settima e l’ottava performance assoluta sulla distanza.

TEFERI ESORDIO-BOOM – Debutto eccezionale sulla distanza per la 23enne etiope Senbere Teferi, già argento mondiale nel 2015 sui 5000 a Pechino e vice-iridata di cross. La Teferi ha vinto una gara con finale da cardiopalmo e tre atlete, tutte etiopi, in un solo secondo. L’eccezionale riscontro di 1h05:45 le regala l’esordio più veloce di sempre in mezza maratona e il record nazionale in condivisione con la seconda, Netsanet Gudeta (stesso tempo), e terza Zeyneba Yimer che in 1h05:46 ha, un secondo troppo tardi, eguagliato il vecchio della Ababel (Copenhagen 2018). Fa festa anche la quarta, Degitu Azmeraw, che in 1h06:07 centra la seconda miglior prestazione mondiale Under 23. Quinta, con un progresso di un minuto e mezzo, la keniana Aiyabei in 1h06:14.

Marco Buccellato

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
RISULTATI/Results

Condividi con

Seguici su:






Source link