Seleziona una pagina


26 Giugno 2019

Venerdì la discobola azzurra sfida la brasiliana De Morais. Debutta Galvan nei 400, lungo per Randazzo, Fraresso-Bertolini nel giavellotto, Moen per un mezzofondo internazionale. DIRETTA STREAMING su atletica.tv

 

di Cesare Rizzi (FIDAL Lombardia)

Ventidue Paesi e tutti i continenti rappresentati: l’edizione numero 23 del Meeting Internazionale Città di Nembro avrà un respiro mondiale. La riunione organizzata dall’Atletica Saletti a Nembro (Bergamo) venerdì 28 giugno dalle ore 18.30 proporrà anche spunti in chiave italiana, a partire dall’attesa per Daisy Osakue (Fiamme Gialle): la discobola più in forma della stagione azzurra (seconda italiana alltime con 61,35, standard per i Mondiali di Doha) si confronterà con la brasiliana Andressa De Morais, primatista continentale sudamericana con 65,10 nel 2018 e autrice quest’anno di 64,86. L’Italia della specialità non sarà rappresentata solo da Osakue: attese anche Stefania Strumillo (Atletica 2005), la tricolore invernale Giada Andreutti (Aeronautica) e Natalina Capoferri (Atl. Brescia 1950 Ispa Group). Restando nei lanci il campione italiano assoluto del giavellotto Mauro Fraresso (Fiamme Gialle) si cimenterà su una pedana che da sempre ispira Roberto Bertolini (Fiamme Oro), in gara anche venerdì in un meeting che in passato gli ha regalato i migliori risultati in carriera (81,68 nel 2017 e 81,05 nel 2016): a completare il cast Roberto Orlando (Atl. Virtus Cr Lucca), arrivato a 76,35 quest’anno, e il campione italiano promesse Norberto Fontana (Cus Parma). Per completare il quadro dei concorsi c’è un atteso salto in lungo maschile con un antipasto degli Assoluti: nel cast il tricolore di Pescara 2018 Filippo Randazzo (Fiamme Gialle), il campione italiano indoor Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle), Antonino Trio (Athletic Club 96 Alperia), il tricolore under 23 Gabriele Chilà (Studentesca Rieti Milardi), Andrea Pianti (Shardana) e Harold Barruecos (Atl. Vicentina). Nella stessa specialità al femminile attese Carol Zangobbo (Assindustria Sport Padova) e la junior Veronica Crida (Unione Giovane Biella): le favorite sono però due sudafricane, Lynique Beneke (6,64 quest’anno, 6,81 di PB) ed Eljonè Kruger. Nel programma tecnico quest’anno entra l’asta femminile con la finalista NCAA e vincitrice della finale Oro dei Societari Assoluti Helen Falda (Atl. Brescia 1950 Ispa Group), la campionessa italiana 2017 Elisa Molinarolo (Aristide Coin Venezia) e Tatiane Carne (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter).

400 METRI CON GLI AZZURRI – Sui 400 metri maschili è annunciato il debutto stagionale in gara individuale di Matteo Galvan: il portacolori delle Fiamme Gialle vivrà una stimolante sfida contro numerosi avversari stranieri. Su tutti spicca il nome di Amel Tuka, il bosniaco bronzo mondiale 2015 degli 800, di recente in bella evidenza sempre sul doppio giro di pista tra Stoccolma e Ostrava, e nel frattempo autore del personale sui 400, alleggerito a 46.37 a Sarajevo (Bosnia Erzegovina). Ci saranno anche il giamaicano Anthony Carpenter e il sudafricano Lesedi Mokgobinyane, oltre agli altri azzurri della 4×400 Michele Tricca (Fiamme Gialle) e Mattia Casarico (Gs Bernatese) e al vicecampione italiano juniores Francesco Domenico Rossi (Geas Atletica). Sul giro di pista femminile atteso un terzetto di favorite composto dal bronzo europeo indoor della staffetta del miglio Chiara Bazzoni (Esercito), da Rebecca Borga (Fiamme Gialle), da Virginia Troiani (Cus Pro Patria Milano) e dalla britannica Sabrina Bakare: a completare il cast l’under 23 Aurora Casagrande Montesi (Cus Parma) e Federica Putti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter).

IL MEZZOFONDO – La stella forse più luminosa in chiave straniera arriva dai 3000 metri maschili con il norvegese Sondre Nordstad Moen, primo maratoneta europeo a scendere sotto le 2h06:00 e detentore di un PB sulla distanza da 7:52.55 realizzato proprio a Nembro due anni fa. Il “vichingo” è chiamato a un match con un’ampia delegazione di specialisti italiani: dal tricolore dei 5000 Marouan Razine (Esercito) a Marco Najibe Salami (Esercito) appena convocato in Coppa Europa sui 10.000, dal vicecampione italiano indoor Mattia Padovani (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) a Michele Fontana (Aeronautica), da Yassin Bouih (Fiamme Gialle) a Simone Colombini (Aeronautica). Nella prova femminile probante test per Marta Zenoni (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter): la rinata mezzofondista bergamasca torna sulla pista dove due anni fa iniziò il suo lungo stop per affrontare Martina Merlo (Aeronautica) in una gara dove anche la campionessa europea under 20 di corsa in montagna Angela Mattevi (Atl. Valle di Cembra) ambisce a un netto progresso. In chiusura della riunione allestita da Alberto Bergamelli (presidente dell’Atletica Saletti) e dal suo staff ci sarà un 3000 siepi maschile dedicato agli under 23: annunciato l’intero podio dei Tricolori di categoria di Rieti con Pietro Arese (Safatletica Piemonte), Giovanni Gatto (US Quercia Trentingrana) e Filippo Dallù (Cus Pro Patria Milano).

Gli 800 metri attendono invece la seconda apparizione stagionale sulla distanza per Giordano Benedetti (Fiamme Gialle): il semifinalista olimpico affronterà un cast di prim’ordine con il sudafricano Kabelo Simon Mohlosi (1:46.54 quest’anno), il bosniaco Abedin Mujezinovic e il qatariano Abdirahman Saeed Hassan. La prima serie sarà impreziosita anche dalla presenza del campione italiano assoluto 2017 Stefano Migliorati (Cs San Rocchino), del campione del mondo under 20 della 4×400 Andrea Romani (Atl. Riccardi Milano 1946), di Gabriele Aquaro (Team A Lombardia), di Abdelhakim Elliasmine (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) e di Abdessalam Machmach (Athletic Club 96 Alperia). Il doppio giro di pista femminile sarà molto “italiano”: favorita sulla carta è Yusneysi Santiusti (Assindustria Sport Padova), che affronterà Irene Vian (Atl. Riviera del Brenta), Stefania Biscuola (Atl. Arcobaleno Savona), Serena Troiani (Cus Pro Patria Milano) e Federica Cortesi (Atl. Valle Brembana).

SPRINT – Sulle distanze più brevi sarà ampia e qualificata la presenza straniera: su tutti c’è Bryce Robinson, statunitense autore in questa stagione di 10.18 ma detentore di un PB da 9.99 e affiancato a Nembro dai sudafricani Chederick Van Wyk e Thando Dlodlo, rispettivamente 10.25 (ma 10.11 nel 2018) e 10.15 in questa stagione; poi sono annunciati pure la statunitense Brittany Brown e la sudafricana Tamzin Thomas nei 100 piani femminili, e nei 100 ostacoli il bronzo degli ultimi campionati del Sudamerica Adelly Oliveira Santos (brasiliana con 13.06 di personale) e la primatista nazionale venezuelana Genesis Romero (13.18 nel 2019). Nei 110 ostacoli l’altro carioca Jonathas Felipe Brito e il giamaicano Deuce Carter. Gli atleti italiani hanno comunque chance di mostrarsi competitivi in questo contesto: spazio al duecentista Davide Manenti (Aeronautica), agli under 23 Wanderson Polanco (Atl. Riccardi Milano 1946) e Andrea Federici (Biotekna Marcon) e all’allievo Federico Guglielmi (Bioteknas Marcon) nei 100 uomini, al vicecampione italiano promesse Mattia Montini (Carabinieri) tra gli ostacoli alti maschili, all’azzurra dell’Universiade Silvia Taini (Brixia 2014), a Nicla Mosetti (Bracco) e a Desola Oki (Fiamme Oro) nei 100 ostacoli donne e a Marta Maffioletti (Bracco) nello sprint femminile.

DIRETTA STREAMING – Il 23° Meeting Internazionale Città di Nembro sarà trasmesso in diretta streaming su www.atletica.tv.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

Condividi con

Seguici su:






Source link