Seleziona una pagina


27 Luglio 2019

(in aggiornamento) A Bressanone lo sprinter azzurro vince i 100 metri, Bogliolo e Fofana a segno negli ostacoli, Galvan e Trevisan nei 400. DIRETTA TV su RaiSport

 

(in aggiornamento) Seconda giornata dei Campionati Italiani Assoluti di Bressanone (Bolzano): si assegnano 22 titoli alla Raiffeisen Arena. Marcell Jacobs (Fiamme Oro) trionfa nei 100 metri con 10.10 (+1.7). 

CLICCA QUI – GUARDA LA DIRETTA SU RAI SPORT

RISULTATI-ISCRITTI/Results-EntriesFOTO/Photos (credits: Giancarlo Colombo/FIDAL)ORARIO/TimetableTUTTE LE NOTIZIE/NewsI CAMPIONI ITALIANI 2018– #Assoluti2019

JACOBS, CONTINUITÀ – Ricapitolando: in un’ora e dieci Marcell Jacobs (Fiamme Oro) doppia i 100 metri in 10.15 (+1.1) e 10.10 (+1.7). La partenza, il punto debole dell’azzurro, si può ancora migliorare ma il lanciato dello sprinter fa ipotizzare una rapida discesa sotto i dieci secondi. “Crazylongjumper” è campione italiano per il secondo anno consecutivo, bis dopo Pescara, nell’impianto che nel 2016 lo spinse all’8,48 ventoso nel lungo. Luca Lai (Atl. Cento Torri Pavia), alla fine terzo in 10.44, gli resta al fianco in finale nei primi trenta metri, poi spunta anche Luca Antonio Cassano (11.42, secondo). Ma quando Jacobs decide di fare sul serio e di sprintare decontratto non ce n’è per nessuno. Quarto Federico Cattaneo (Aeronautica, 10.45), quinto il campione europeo U20 Lorenzo Paissan (Lagarina Crus Team, 10.47). Un dato statistico che non può essere sottovalutato: Jacobs ha corso i 100 metri sotto i 10.15 (o su quel tempo) nelle sue ultime 6 uscite sulla distanza. Tradotto: continuità.

RISCATTO DOSSO – Zaynab Dosso (Fiamme Azzurre) aveva un conto in sospeso con i 100 metri dopo la delusione degli Europei U23 di Gavle. Sulla pista verde di Bressanone si riscatta e trionfa in 11.47 (+1.6), in un cento “a eliminazione” che perde prima la campionessa europea U20 Vittoria Fontana per un lieve infortunio al piede, poi per squalifica in batteria una delle più rapide dell’anno (Chiara Melon). La Dosso, che pure era nel gruppo delle più quotate, precede la tricolore in carica Johanelis Herrera (Atl. Brescia 1950 Ispa Group), 11.55, e Annalisa Spadotto Scott (Bracco Atletica), 11,74.

VIDEO | LE LACRIME DI GIOIA DI ZAYNAB DOSSO

LAMPO BOGLIOLO – Un lampo nella pioggia. Luminosa Bogliolo (Fiamme Oro) si conferma campionessa italiana dei 100hs con 12.85 (+0.8) a sette centesimi dal personale, di nuovo non lontana dal record italiano di 12.76 sfiorato già in un paio di occasioni, tra cui l’oro dell’Universiade di Napoli. “Stabilizzarmi sotto i tredici secondi era il mio obiettivo”, dice soddisfatta, e Bressanone ne è l’ennesima conferma. Velocissima tra le barriere, pulita sull’ostacolo, non impeccabile negli appoggi conclusivi, la favoritissima ligure spacca la pista e scava un solco tra sé e le avversarie: Giulia Pennella (Esercito) la più vicina con 13.26, davanti ad Angelika Wegierska (Atl. Firenze Marathon) 13.47. 

L’ASSOLO DI FOFANA – Verdetto non imprevedibile: Hassane Fofana (Fiamme Oro) è il padrone degli ostacoli. Okay, mancavano Lorenzo Perini e Paolo Dal Molin, frenati da problemi fisici, e di conseguenza la sfida non poteva che perdere un filo di suspence. Ma per quanto visto nelle settimane scorse il titolo è assolutamente meritato: il lombardo viaggia tra gli ostacoli controvento in 13.71 (-2.4), colpisce il sesto e il decimo, però è tale il vantaggio che non si lascia impensierire e legittima così una prima parte di stagione che è decollata fino al 13.44 dello standard per Doha. Gli altri, su pista bagnata, finiscono sopra i quattordici secondi, a partire dal tricolore U23 Chituru Ali (Unione Sportiva Albatese, 14.01) e Ivan Mach di Palmstein (Atl. Riccardi Milano 1946, 14.36).

VIDEO | “DISPIACE NON AVER SFIDATO PERINI E DAL MOLIN”

400, L’ESPERIENZA DI GALVAN – L’esperienza contro la gioventù. Matteo Galvan (Fiamme Gialle) si riappropria del titolo di campione italiano dei 400 metri che gli mancava dal 2016, dal giorno dell’allora record italiano di 45.12, anche in quell’occasione sotto la pioggia. Lo fa con una prova tutta all’attacco, in spinta dal primo metro e senza nessuna paura. L’ex recordman indossa la decima maglia tricolore in 45.59, quasi un secondo più forte di quanto aveva corso in stagione, e dà un dispiacere ai giovani ruspanti Edoardo Scotti (Carabinieri), campione europeo U20 sabato scorso a Boras, oggi secondo con il solito inizio cauto e il finale in rimonta (46.40) e al bronzo europeo U23 Brayan Lopez (Athletic Club 96 Alperia) al traguardo in 46.64. “Tre infortuni muscolari da inizio stagione ma adesso sto bene”, le parole di Galvan.

VIDEO | LA VITTORIA DI MATTEO GALVAN NEI 400 METRI

400, TENACIA TREVISAN – Sulla stessa linea fino ai trecento metri, è nel rettilineo conclusivo che Giancarla Trevisan (Bracco Atletica) azzanna la pista e fa la differenza contro la favorita Maria Benedicta Chigbolu (Esercito) che sperava in un altro finale per festeggiare i propri trent’anni (oggi, auguri!). Nel duello tra staffettiste azzurre prevale l’italoamericana “Gia” più lucida e composta negli ultimi cento (52.61), brava a disfarsi della Chigbolu (53.33) che invece nel finale si spegne. Al terzo posto la sorpresa è Alice Mangione (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) che balza sul podio assoluto con 53.58 dopo essersi migliorata di un centesimo, ieri in batteria, dopo quattro anni.

800, DOPPIETTA FIAMME AZZURRE – La sorpresa è soprattutto Eloisa Coiro, ancor più che Simone Barontini, nuove leve di ottocentisti italiani ed entrambi in forza alle Fiamme Azzurre. La 2000 romana, quarta agli Europei U20, chiude forte nella finale degli 800 (2:05.83) e riacciuffa la capolista stagionale Eleonora Vandi (Avis Macerata) che aveva preso l’iniziativa ai duecento metri dal traguardo (2:05.97). Sulla loro scia Joyce Mattagliano completa il doppio giro in 2:06.07. Via in progressione, invece, Simone Barontini che dopo tre titoli italiani assoluti nella sua Ancona riesce a vincere anche all’aperto con 1:47.89 staccando Enrico Riccobon (Atl. Brugnera Friulintagli, 1:48.44) e Giordano Benedetti (1:48.86). 

EPTATHLON: CHE GEREVINI – Due giorni di emozioni: cinque primati personali in sette gare e terzo titolo tricolore consecutivo, con il salto di qualità a 5907 punti, per entrare nella top 10 di sempre all’ottavo posto. Applausi per Sveva Gerevini (Cremona Sportiva Atl. Arvedi), tecnico di radiologia e atleta poliedrica, capace di migliorarsi di oltre trecento punti in un eptathlon esaltante: in Italia un punteggio del genere mancava dal 2011 (Francesca Doveri 5988). La cavalcata della cremonese allenata da Pietro Frittoli, tecnico che segue anche l’altro talento giovanile Dario Dester quinto agli Europei U20 di Boras, riparte con un altro personal best dopo la super giornata d’apertura di ieri: 5,95 controvento (-2.0) nel salto in lungo, gara in cui l’unica sopra i sei metri è Laura Oberto (Atl. Canavesana) con 6,06 (-2.8). Nel giavellotto si migliora Federica Palumbo (Us Sangiorgese) che allunga a 46,56 con la Gerevini seconda (41,36). Negli 800 metri finali la 23enne cremonese è consapevole di dover correre intorno ai 2:15 per superare la soglia dei 5900 punti e ci riesce: seconda con il personale di 2:14.83, ed è festa grande, con tanto di complimenti della primatista italiana e padrona di casa Gertrud Bacher. Al termine delle sette fatiche Federica Palumbo, seconda, cresce a 5597 punti (+100 sul recente PB di Ribeira Brava) e Laura Oberto è terza con un progresso fino a 5435, limite personale ritoccato dopo quattro anni.

VIDEO | GEREVINI: “INNAMORATA DELLE PROVE MULTIPLE”

LANCI – Tra inverno ed estate è il sesto titolo italiano consecutivo nel giavellotto per Mauro Fraresso (Fiamme Gialle), senza le misure vicine o superiori agli 80 metri a cui il trevigiano ambiva (oggi 75,54). Solido Roberto Orlando (Atl. Virtus Cr Lucca) che nel primo lancio centra la seconda prestazione in carriera con 74,78 e al terzo posto si piazza Roberto Bertolini (Fiamme Oro) con un 73,04 ripetuto due volte.

DECATHLON – Il decathlon che dopo cinque prove del day 1 aveva visto al comando Stephen Asamoah (Atl. Virtus Castenedolo), riparte dal 14.89 (-0.5) di Michele Brini (Atl. Imola Sacmi Avis) nei 110 ostacoli, unico sotto i quindici secondi. Matteo Di Prima (Cus Pro Patria Milano) si mette in evidenza nel disco (42,20).

LE QUALIFICAZIONI

400HS: FOLORUNSO NO PROBLEM – Passeggiata nel primo turno per l’oro dell’Universiade Ayomide Folorunso (Fiamme Oro) nei 400hs: tranquillissimo 59.12 nella prima batteria ed energie risparmiate per la finale di domani quando proverà a scendere di nuovo sotto i 55 secondi (54.75 a Napoli, secondo tempo italiano di sempre). Leggermente più “andante” in ritmo dell’argento europeo U23 Linda Olivieri (Fiamme Oro) che apre con 58.66, mentre la compagna di squadra e di allenamento Rebecca Sartori (Fiamme Oro) parte da 59.63. Anche al maschile conta essere tra i primi due: Alessandro Sibilio (Fiamme Gialle) rispetta il copione con 52.74 e nelle altre due batterie prevalgono Papisse Fall (Atl. Firenze Marathon) in 52.48 e l’azzurro degli European Games Eusebio Haliti (Esercito) in 52.87.  

GIAVELLOTTO: VISCA 55,26 IN QUALIFICAZIONE – È la quarta italiana dell’anno, Carolina Visca (Fiamme Gialle), e il dato descrive bene il “traffico” di giavellottiste azzurre su misure dignitose: la campionessa europea U20 deve partire dalle qualificazioni e con un lancio sbarca in finale (55,26) dove troverà anche Zahra Bani, Sara Zabarino e Sara Jemai. Avanti anche l’altra junior Federica Botter (Atl. Brugnera Friulintagli) con 54,24.

IN PEDANA: CHE VENTO NEL TRIPLO – Raffiche di vento contro i triplisti: il più bravo delle eliminatorie è il sempreverde Fabrizio Schembri (Carabinieri), il solo a superare i sedici metri (16,05) contro un muro di vento di -3.5 (e c’è chi si imbatte anche in cinque metri e più). Un crampo avvertito in riscaldamento suggerisce a Daniele Greco (Fiamme Oro) di non saltare: non potrà quindi partecipare alla finale di domani in cui sono annunciati come protagonisti il bronzo europeo U23 Andrea Dallavalle, Tobia Bocchi e Simone Forte. Due pass diretti per la finale femminile dell’hop-step-jump: Simona La Mantia prima di abbracciare la sua piccola Martina salta 13,06 (-0.5), qualificazione con la Q maiuscola anche per Giada Bilanzola (12,81/+2.1). Nell’alto maschile in sette con 2,08 e in quattro con 2,05: è il quadro dei qualificati per la finale di domani nella quale entrerà in azione il saltatore da 2,30 Stefano Sottile e l’azzurro dei Giochi Europei di Minsk Nicolas De Luca. Nelle eliminatorie dell’asta femminile c’è anche Helen Falda (Atl. Brescia 1950 Ispa Group), avanti con 3,95 al secondo tentativo: domani sarà battaglia con Roberta Bruni, Sonia Malavisi ed Elisa Molinarolo. Nel martello detta legge il bronzo europeo U20 Giorgio Olivieri (Team Atletica Marche) che con l’attrezzo dei grandi (7,26 kg) allunga di oltre un metro fino a 68,62, miglior misura delle qualificazioni – diventa il sesto junior alltime – pronto a unirsi a Marco Lingua, Simone Falloni e Giacomo Proserpio nella finale di domani. Nel disco maschile è lo junior Enrico Saccomano (Atl. Malignani Libertas Udine) in vetta nel round iniziale con il PB di 51,53, alla vigilia della finale con Giovanni Faloci, Nazzareno Di Marco e Alessio Mannucci. Il peso femminile promuove come migliore Sydney Giampietro (Fiamme Gialle) con 14,90: domani Chiara Rosa cerca il 25esimo titolo tricolore in carriera.

sabato 27 luglio
diretta tv RaiSport + HD 15.55-20.35
diretta streaming RaiSport web 14.00-21.00
diretta streaming atletica.tv 11.15-15.55 e 20.35-21.00

domenica 28 luglio
diretta tv RaiSport + HD 17.50-20.25
diretta streaming RaiSport web 16.30-21.00
diretta streaming atletica.tv 16.30-17.50 e 20.25-21.00

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

Condividi con

Seguici su:






Source link