Seleziona una pagina


30 Luglio 2019

Sull’Alpe di Campogrosso (Vicenza), i due azzurri conquistano la prima prova in salita della rassegna nazionale

 

Sotto una pioggia battente all’Alpe di Campogrosso è andato in scena l’epilogo della kermesse dedicata alla corsa in ambiente naturale, con la prima prova di sola salita dei Campionati italiani di corsa in montagna sui 13,4 chilometri per 1250 metri di dislivello e partenza da Recoaro Terme (Vicenza). Tra le donne Valentina Belotti (Atl. Alta Valtellina) si porta quasi subito in fuga senza concedere possibilità di replica, passando indenne anche dal tratto centrale di discesa, lungo il quale riesce persino a incrementare il vantaggio. Da metà gara il divario cresce ulteriormente a un minuto, mentre alle sue spalle le due compagne di club viaggiano insieme fino all’ottavo chilometro, quando Elisa Desco guadagna margine ed Elisa Sortini rallenta l’andatura. Nel tratto conclusivo la giovane e talentuosa Alessia Scaini (Atl. Saluzzo) si trascina dietro anche Francesca Ghelfi (Pod. Valle Varaita), sorella di Erica, costretta ai box da una microfrattura al piede. Entrambe scavalcano la Sortini proprio nei metri finali, mentre dietro Lorenza Beccaria (Atl. Saluzzo) ha la meglio su Gaia Colli (Atl. Valle Brembana) per completare il podio under 23 comandato dalla Scaini, terza assoluta al traguardo.

Al maschile è imprendibile Cesare Maestri. Il trentino dell’Atletica Valli Bergamasche Leffe mostra di essere cresciuto, tre settimane dopo gli Europei di Zermatt, e realizza l’allungo decisivo già nei primi chilometri, con il compagno di squadra Xavier Chevrier, bronzo europeo, che insegue a pochi secondi per tutta la seconda metà gara. In questa fase si consuma la rimonta di Martin Dematteis (Corrintime), capace di risalire al terzo posto, sfilato nel tratto finale di salita più impegnativa a Henri Aymonod (Corrintime), sorpresa di una giornata che ha salutato anche il ritorno nei piani alti di Alex Baldaccini (Atl. Valle Brembana), costretto a rinunciare alla prima parte di stagione per infortunio. Sesto il ruandese Primien Manirafasha (Atl. Dolomiti Belluno) davanti a Nadir Cavagna (Atl. Valle Brembana), quindi ottavo Michele Vaia (Atl. Trento), bronzo europeo juniores nel 2013 e al più bel risultato di sempre in campo assoluto dopo aver anche superato problemi di salute. A completare la top ten di giornata, Alberto Vender (Valchiese) e Bernard Dematteis (Corrintime) che va a prendersi la dedica del fratello. Sul tracciato ultra ventennale della Staro-Campogrosso si sono invece disputate le gare juniores, con la vittoria al femminile di Elisa Pastorelli (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), messa a dura prova sino alla fine dalla compagna in azzurro Katia Nana (Pol. Albosaggia) con la terza posizione a Maria Collarin (Gs Quantin Alpenplus), e di Luca Merli (Valchiese) seguito da Alessandro Rossi (Lanzada) che si difende dal ritorno di Alain Cavagna (Atl. Valle Brembana), argento continentale e reduce dalla rassegna europea su pista. Le maglie tricolori saranno assegnate nella seconda prova di salita e discesa, il 22 settembre ad Arco (Trento), che metterà in palio anche le convocazioni in azzurro per i Mondiali di novembre in Argentina.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
RISULTATI/Results

Valentina Belotti

Condividi con

Seguici su:






Source link