Seleziona una pagina


31 Luglio 2019

Countdown verso l’evento internazionale del 24 agosto, in provincia di Torino. Ecco gli azzurrini

 

Meno di un mese al via della International U18 Mountain Running Cup del 24 agosto a Susa, a Torino, località che torna così ad ospitare una manifestazione internazionale di corsa in montagna dopo i Mondiali Master della specialità svoltisi nel 2016. Proprio a Susa la WMRA celebrò nel 2006 la prima edizione della rassegna dedicata ai giovanissimi, dando veste istituzionale ad un incontro per nazioni che dal 2003 l’Atletica Susa aveva deciso di organizzare in memoria di Marco Germanetto, più volte tricolore giovanile in montagna e su strada.

I PARTECIPANTI – Queste le 13 nazioni che hanno dato la loro adesione all’evento, Italia compresa: Francia, Galles, Inghilterra, Irlanda, Irlanda del Nord, Polonia, Repubblica Ceca, Scozia, Slovenia, Turchia, Ungheria, USA. Lo scorso anno l’Italia a Lanzada (Sondrio) ha conquistato il primo posto con la squadra femminile e il bronzo con quella maschile. Quest’anno il team azzurro sarà composto al maschile da Matteo Bardea (Sportiva Lanzada), Massimiliano Berti (Sa Valchiese), Devid Caresani (Atl. Tione) e Mattia Zen (Cus Insubria), e al femminile da Luna Giovanetti (Atl. Valle di Cembra), Lisa Kerschbaumer (Sport Club Meran), Katja Pattis (Suedtirol Team) e Axelle Vicari (Pol. Sant’Orso Aosta).

LA STORIA – Sempre curato dall’Atletica Susa Adriano Aschieris, il 31esimo Challenge Stellina che quest’anno indossa una veste internazionale legata ai giovani, rafforza ancora di più la sua importanza storica. Il ricordo della Battaglia delle Grange Sevine del 26 agosto 1944 che in questa edizione si svolgerà il giorno dopo le gare, vale a dire domenica 25 agosto, sarà occasione di partecipazione per i ragazzi di tutte le nazioni che prenderanno parte all’evento. Giovani provenienti da tutto il mondo che saliranno sino in località Costa Rossa per ricordare quanto vissuto da loro quasi coetanei oltre 70 anni fa. Gli atleti saliranno sui luoghi dello scontro tra la brigata guidata da Aldo Laghi (alias Giulio Bolaffi) e i tedeschi, animati da amicizia e spirito sportivo.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

Condividi con

Seguici su:






Source link