Seleziona una pagina


30 Agosto 2019

Domenica 1° settembre, al meeting svizzero, anche Trost nell’alto con Vallortigara, Fabbri in pedana nel peso, Fofana sui 110hs. A Berlino nel lungo Strati cerca la misura

 

Folta presenza italiana domenica 1° settembre al meeting di Bellinzona, in Svizzera. Nel salto in alto scenderanno in pedana le due azzurre Elena Vallortigara e Alessia Trost. Per la vicentina dei Carabinieri sarà il rientro agonistico, dopo tre mesi di stop per la distorsione alla caviglia destra, con l’intenzione di avvicinare lo standard di iscrizione per i prossimi Mondiali di Doha (27 settembre-6 ottobre) fissato a 1,94. Una misura sfiorata durante l’inverno con 1,92, che in ogni caso potrebbe valere l’invito alla manifestazione iridata grazie al meccanismo dei “target numbers”. La friulana delle Fiamme Gialle arriva invece dal successo di martedì a Rovereto, valicando 1,92 alla prima prova. Quest’anno ha superato due volte 1,94: in sala e poi con il terzo posto agli Europei a squadre di Bydgoszcz. Iscritta tra le altre Enrica Cipolloni (Fiamme Oro).

Al Galà dei Castelli, in Canton Ticino, sfida tra i due migliori specialisti italiani anche nel getto del peso a cominciare da Leonardo Fabbri, protagonista di una stagione che l’ha visto a un soffio dai 21 metri con 20,99 (terzo azzurro di sempre e miglior risultato a livello nazionale degli ultimi 22 anni). Il vicecampione europeo under 23 ha osservato alcuni giorni di riposo al ritorno dalla rassegna continentale per team in Polonia, a causa di un’infiammazione tendinea, ma il fiorentino dell’Aeronautica è pronto per un doppio impegno in 24 ore: lunedì 2 settembre sarà infatti a Zagabria nel prologo dell’ultima tappa del World Challenge IAAF. A Bellinzona in gara quindi il reatino Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro) che a sua volta ha infranto la barriera dei 20 metri quest’anno (20,17).

La riunione svizzera vedrà impegnato nei 110 ostacoli Hassane Fofana (Fiamme Oro), di nuovo in terra elvetica tre giorni dopo il 13.90 controvento di Zurigo, ma il bergamasco ha già raggiunto il “minimo” mondiale correndo due volte in 13.44 quest’anno. Sul rettilineo della rinnovata pista di Bellinzona toccherà poi a un nutrito gruppo di velocisti. Nei 100 metri in azione la campionessa italiana Zaynab Dosso (Fiamme Azzurre), Alessia Pavese (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) e Chiara Melon (Atl. Brescia 1950 Ispa Group), al maschile Nicholas Artuso (Fiamme Gialle), Luca Antonio Cassano (Atl. Firenze Marathon), il rientrante Michael Tumi (Fiamme Oro), Roberto Rigali (Bergamo Stars Atletica), Simone Tanzilli (Atl. Riccardi Milano 1946) e Wanderson Polanco (Atl. Riccardi Milano 1946), mentre è iscritto ma non sarà presente Marcell Jacobs (Fiamme Oro) che parteciperà nei 100 al match Europa-Usa di Minsk. Nei 400 ostacoli al via Eusebio Haliti (Esercito), invece per il mezzofondo sui 1500 metri Yassin Bouih (Fiamme Gialle). Diretta video streaming a questo LINK dalle ore 18.00 di domenica 1° settembre. [ISCRITTI/Entries]

BERLINO – È uno degli appuntamenti più classici nel calendario internazionale: il meeting Istaf di Berlino, domenica 1° settembre, taglia il traguardo dell’edizione numero 78. Nel penultimo step del World Challenge IAAF, in gara Laura Strati (Atl. Vicentina) che sulla pedana del lungo punta a migliorare il primato stagionale di 6,65. Si preannuncia una competizione di alto livello con la tedesca campionessa europea Malaika Mihambo, quattro volte oltre i sette metri (fino a 7,16) quest’anno, opposta alla serba iridata indoor Ivana Spanovic. [ISCRITTI/Entries]

IN GRAN BRETAGNA – Altri due sprint di Antonio Infantino a Lee Valley, nell’hinterland di Londra. Il campione italiano dei 200 metri ha corso la distanza in 20.67 ventoso (+2.5), per chiudere in seconda posizione mercoledì 28 agosto. Nello stesso meeting il velocista dell’Athletic Club 96 Alperia ha chiuso anche al terzo posto sui 100 con 10.40 (+0.6). [RISULTATI/Results]

l.c.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

Condividi con

Seguici su:






Source link