Seleziona una pagina


13 Settembre 2019

A Chorzow nuova uscita dell’ostacolista azzurra sabato 14 settembre contro la campionessa europea Herman. In azione anche Vallortigara a Siena, Osakue a Ostia e Fantini a Chiari

 

A due settimane dai Mondiali di Doha (27 settembre-6 ottobre), azzurri in pista e in pedana sabato 14 settembre. Il Memorial Kamila Skolimowska in Polonia, a Chorzow, ospita un altro confronto internazionale di Luminosa Bogliolo nei 100hs dopo la sfida Europa-Usa di Minsk di martedì scorso, chiusa al sesto posto con il tempo di 13.05. In questa occasione, altrettanto competitiva, la 24enne ligure delle Fiamme Oro va alla ricerca di un nuovo tempo sotto i tredici secondi, territorio che ormai le appartiene con regolarità, fino al 12.78 di La Chaux-de-Fonds di fine giugno a due centesimi dal record italiano. Da Minsk, Bogliolo ritrova la campionessa europea Elvira Herman, la polacca Karolina Koleczek e la statunitense Queen Claye. Tra le iscritte anche le finlandesi Reetta Hurske e Nooralotta Neziri, la francese Laura Valette e l’ungherese Luca Kozak, tutte con stagionali da 12.90 in giù, e l’ostacolista dell’Atletica Firenze Marathon Angelika Wegierska.

La vincitrice dell’Universiade di Napoli e degli Europei a squadre di Bydgoszcz dovrà aspettare il penultimo giorno della rassegna iridata per calcare la pista di Doha, sabato 5 ottobre, nella batteria degli ostacoli. Qualificazioni il primo giorno, invece, per il salto in alto femminile: il percorso di avvicinamento di Elena Vallortigara (Carabinieri) fa tappa sulla pedana casalinga di Siena per una gara-allenamento a otto giorni dall’1,85 di Bruxelles in Diamond League. Dopo tre mesi di assenza, la saltatrice azzurra era rientrata il 1° settembre a Bellinzona con 1,91. 

LANCI – Daisy Osakue a Ostia (Roma), Sara Fantini a Chiari (Brescia). Le lanciatrici azzurre si mettono alla prova in vista della rassegna iridata. La discobola Osakue (Fiamme Gialle) attesa mercoledì 2 ottobre dal primo round mondiale torna in pedana dopo il sesto posto degli Europei a squadre: nella sua lunga stagione, iniziata in marzo con l’attività del college negli Stati Uniti, la perla è l’oro all’Universiade di Napoli con il primato personale di 61,69, misura che la colloca al secondo gradino di sempre tra le specialiste azzurre. Un test anche per la martellista Fantini (Carabinieri), bronzo agli Europei U23 di Gavle e quarta agli Europei a squadre nell’estate del primo +70 della propria carriera (70,30): destinazione il primo turno iridato di venerdì 27 settembre. Come già annunciato, altri due convocati per Doha saranno in gara a Rieti nella finale nazionale dei Cds U23: il pesista Leonardo Fabbri (Aeronautica) e la staffettista Alice Mangione (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) nei 400 metri.

naz.orl.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
ISCRITTI/Entries

Condividi con

Seguici su:






Source link