Seleziona una pagina


03 Ottobre 2019

La triplista eliminata con un discreto 13,97; tra poco in pedana il pesista. In serata, finali del peso e dei 400 metri donne, e le medaglie delle prove multiple.

 

IN AGGIORNAMENTO

Solo due atleti italiani nella serata del Khalifa Stadium, entrambi impegnati in turni di qualificazione: Ottavia Cestonaro, nel primo round del salto triplo, e Leonardo Fabbri, per l’esordio nel getto del peso.

Salto triplo donne – qualificazioni
Si può uscire da un turno di qualificazione, com’è ovvio (altrimenti, si farebbero solo finali dirette); a patto, però, che si riesca ad esprimere il meglio. In questo senso la prova di Ottavia Cestonaro, esordiente in un Mondiale, si può considerare soddisfacente. La veneta è eliminata, ma il suo miglior salto, misurato a 13,97 (v. +0.1), è a conti fatti la terza prestazione personale di sempre, non lontana dal personale di 14,18 ottenuto in agosto a Bydgoszcz, nell’Europeo a squadre. Piccolo giallo in gara: il primo salto dell’azzurra, all’apparenza comunque non particolarmente lungo, non viene misurato dai giudici, che le concedono una prova in più (serie ufficiale: N, 13,97, N). Nel tentativo finale, Cestonaro attacca la rincorsa con una rincorsa particolarmente veloce, che la porta però a commettere nullo di pedana. La qualificazione resta a 15 centimetri (la romena Pantoroiu è l’ultima ad accedere, con 14,12), con la Cestonaro che si colloca al diciassettesimo posto in graduatoria. In cinque superano i 14,30 richiesti per la qualificazione diretta, con la giamaicana a guidare il gruppo grazie ad un miglior salto di 14,42.

“Non pensavo potesse succedere di non riuscire a misurare un salto a un Mondiale, ma è accaduto – le parole di Ottavia Cestonaro – Non usciva la mia prestazione, credevo fosse un ritardo tecnico, e invece non era stato proprio misurato. Mi hanno dato due minuti per ripeterlo ed è stato nullo di poco. Il secondo salto da 13,97 mi ha fatto capire che la condizione c’era. Nel terzo, ci ho provato in tutti i modi perché questa finale la volevo. È stata un’esperienza magnifica, mi ha dato tanta consapevolezza e non vedo l’ora di riscendere in pedana. Vorrei fare gli auguri al mio ragazzo Marco Zanon (rugbista azzurro, ndr) che oggi compie gli anni, stesso giorno di Laura Strati che gareggerà sabato nel lungo“.

START LIST E RISULTATI/ResultsFOTO/Photos – ISCRITTI/EntriesORARIO E AZZURRI IN GARALA SQUADRA ITALIANA/Italian TeamTV E STREAMING – TUTTE LE NOTIZIE/NewsLE PAGINE IAAF SUI MONDIALI

TEAM GUIDE CON SCHEDE DEGLI AZZURRI (PDF)

LE PRESENTAZIONI GARA PER GARA: SPRINT – MEZZOFONDOMARATONA E MARCIAOSTACOLI E MULTIPLE – SALTI– LANCI

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

 

Condividi con

Seguici su:






Source link