Seleziona una pagina


22 Ottobre 2019

La sprinter entra nelle migliori otto sui 100 metri con il primato stagionale di 11.61, come il quattrocentista (46.86). In semifinale lo sprinter Cattaneo, nei 400 out Milani

 

Due azzurri conquistano la finale a Wuhan, in Cina, nella mattina della prima giornata ai Giochi Mondiali Militari. Sui 100 metri Anna Bongiorni si qualifica di diritto piazzandosi seconda nella batteria in 11.61 (+0.2) che vale il primato stagionale e tornerà in pista alle 14.30 ora italiana. La velocista dei Carabinieri chiude alle spalle della brasiliana Vitoria Rosa (11.53) con il quinto tempo complessivo del turno. Quest’anno la 26enne pisana finora non aveva fatto meglio di 11.73 al meeting di Zurigo, in una stagione condizionata da un infortunio, ma ai Mondiali di Doha è stata finalista con la 4×100 realizzando il record nazionale.

Obiettivo centrato anche da Vladimir Aceti nei 400 metri. Per il portacolori delle Fiamme Gialle, c’è il terzo posto nella quinta e ultima batteria con 46.86, avvicinando il suo miglior risultato della stagione (46.71 a Rovereto). Davanti arrivano Abbas Abubakar Abbas (Bahrain, 46.28), bronzo iridato con la staffetta mista, e il saudita Mazen Al Yasen (46.60). Il quattrocentista brianzolo, 21 anni compiuti pochi giorni dopo la finale raggiunta nella 4×400 alla rassegna iridata, riesce a cogliere il terzo tempo di recupero in una fase eliminatoria decisamente selettiva, con pass diretto solo per il vincitore.

Si corre due volte nella stessa giornata, a nemmeno otto ore di distanza: finale alle 13.35.

Supera il primo dei tre turni nei 100 metri Federico Cattaneo: quinto in 10.83 (-0.2), un crono sufficiente per qualificarsi, e il successo parziale con 10.42 va a Rashid Abdulraouf, sprinter del Bahrain. Nella seconda semifinale, alle ore 13.10, sarà al via il 26enne comasco dell’Aeronautica, che ha firmato il record italiano con la 4×100 a Doha. Eliminata invece Marta Milani sui 400 metri. L’azzurra finisce quarta in 55.01 nella batteria vinta da Iman Essa Jasim (Bahrain, 53.11) nei confronti della polacca Malgorzata Holub (53.37), mentre l’ultimo crono utile è di 53.87. Per andare avanti la 32enne bergamasca dell’Esercito, bronzo quest’anno con la 4×400 agli Europei indoor, avrebbe quindi dovuto esprimersi nei dintorni del primato stagionale di 53.75. Nel salto in lungo Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle), come annunciato, è stato costretto a rinunciare per un problema fisico insorto alla vigilia, e la velocista Jessica Paoletta (Esercito) verrà schierata solo nella 4×100 metri.

l.c.

(in aggiornamento)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
RISULTATI/Results

Condividi con

Seguici su:






Source link