Seleziona una pagina


23 Ottobre 2019

Alla rassegna mondiale di Wuhan, nella notte italiana, guadagnano la semifinale Howe, Manenti, Siragusa e Hooper, di nuovo in pista poco dopo le 14 alla ricerca della finale

 

Tutti qualificati per le semifinali i quattro azzurri impegnati nella notte italiana in Cina, ai Giochi Mondiali Militari di Wuhan, nella seconda giornata dell’evento per quanto riguarda l’atletica. Nel primo round dei 200 metri Andrew Howe (Aeronautica) vince la propria batteria in 21.28 (vento -0.4) controllando nel finale. Guadagna il turno successivo anche Davide Manenti (Aeronautica), quarto nella propria batteria con il crono di 21.41 (0.1), il migliore dei tempi di ripescaggio. Entrambi gli sprinter torneranno in pista poco dopo le quattordici italiane: Howe alle 14.10 nella prima delle tre semifinali, Manenti alle 14.15 nella seconda insieme al dominicano Yancarlos Martinez che ha firmato il tempo più rapido delle batterie con 20.72 (-0.5). Domani l’eventuale finale. 

Avanti nei 200 anche Irene Siragusa (Esercito) e Gloria Hooper (Carabinieri). Le neoprimatiste italiane della 4×100 passano rispettivamente con la Q maiuscola e con i ripescaggi: nel caso della Siragusa, il compito è agevolato dalla doppia squalifica per falsa partenza della fenomenale campionessa del mondo dei 400 Salwa Eid Naser (Bahrein), ieri oro mondiale militare nel giro di pista, e della brasiliana Vitoria Rosa, all’indomani del bronzo nei 100. La senese si sbarazza del primo turno in 24.16 (0.7) e il terzo posto in batteria le consente di proseguire. Fa leggermente meglio in termini cronometrici Hooper (24.06/-0.1), quarto posto nella propria batteria e miglior tempo di ripescaggio. Qui le semifinali sono due, non tre: Hooper è nella prima alle 14.35 con la più veloce della mattinata cinese (la polacca Anna Kielbasinska 23.34/0.3), Siragusa nella seconda alle 14.40, a caccia della finale di domani.

LE FINALI – Nel salto in alto continua il dominio di Mariya Lasitskene: la campionessa del mondo vince anche il titolo militare con un salto a 2,01 al terzo tentativo (record dei campionati). Lo fa in una finale non certo avara di protagoniste: seconda e terza le ucraine Yuliya Levchenko (1,92) e Iryna Gerashchenko (1,90). L’oro nel disco va al quarto classificato di Doha, il romeno Alin Firfirica, oggi 63,88.

naz.orl.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
RISULTATI/Results

Condividi con

Seguici su:






Source link