Seleziona una pagina


27 Ottobre 2019

Sui 21,097 chilometri della città spagnola, decimo posto per l’azzurra che firma il record personale. Doppietta etiope con Kejelcha e Teferi, battuta la Hassan.

 

Decimo posto e sensibile progresso cronometrico di Giovanna Epis nella mezza maratona di Valencia. La portacolori dei Carabinieri con il tempo di 1h11:44 ha ritoccato il primato personale stabilito proprio sulle strade della città spagnola nel 2018, ai campionati mondiali dei 21,097 chilometri (1h12:27). Gara sempre a margine delle prime dieci posizioni per la 31enne veneziana, impegnata per il terzo fine settimana consecutivo in gara, con transiti di 16:46 al quinto chilometro (undicesima), di 33:41 al decimo (dodicesima), di 50:47 al quindicesimo (decima), di 1h08:02 al ventesimo (decima). Un altro miglioramento in questa stagione per l’azzurra, che in primavera era scesa a 2h29:11 nella maratona di Rotterdam, mentre ai Mondiali di Doha è stata costretta al ritiro per il caldo.

Il tentativo di attacco al record del mondo da parte dell’olandese Sifan Hassan è andato a vuoto: la campionessa iridata di 1500 e 10.000 metri, oltre che primatista europea di mezza maratona, è stata nettamente battuta dall’etiope Senbere Teferi, che alla seconda esperienza sulla distanza ha migliorato ancora il personale vincendo in 1h05:32, terza prestazione mondiale stagionale e dodicesima all-time, precedendo la Hassan, giunta sfinita in 1h05:53. Terza la keniana Joan Chelimo in 1h06:10. Questi i passaggi della Teferi: 15:18, 30:42, 46:15, 1h02:00.

Nella gara maschile della Media Maratón Valencia Trinidad Alfonso EDP, azione decisiva dell’argento mondiale dei 10.000 metri Yomif Kejelcha a poco meno di un chilometro dal traguardo, dopo una gara condotta sempre nelle prime posizioni. Per l’etiope il primo successo sulla distanza dei 21,097 km in 59:06, record personale e quinta prestazione mondiale 2019, seguito dal keniano Bernard Kipkorir Ngeno (59:07), dall’altro etiope Jemal Yimer Mekonnen (59:09) e dal keniano Leonard Barsoton (59:10), tutti al personal best. In chiave italiana, da segnalare il 33esimo posto del 22enne brianzolo Riccardo Mugnosso (Dk Runners Milano) che ha tolto oltre due minuti e mezzo al personale di 1h05:56 fatto l’anno scorso proprio a Valencia, portandolo a 1h03:20.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
RISULTATI/Results

Condividi con

Seguici su:






Source link